ZeroZeroToner
Ritiro e smaltimento residui di stampa

ZEROZEROTONER è l’innovativa formula ad abbonamento che risolve i problemi derivati dallo smaltimento di cartucce e materiali di rifiuto prodotti dalle macchine per la stampa.


GESTIONE DEL CONSUMABILE ESAUSTO CON ZEROZEROTONER

BERG PHI con il progetto Zerozerotoner inizia e chiude l’intero percorso per una corretta gestione dei rifiuti speciali da stampa informatica esausti così come stabilito dal D.Lgs 152/06 ex D.Lgs 22/97 (Decreto Ronchi)

In quale modo?
-Disponendo innanzi tutto delle autorizzazioni necessarie per potersi configurare come gestore quindi, dell’iscrizione all’Albo Nazionale Gestori Rifiuti oltre che presso l’Amministrazione Provinciale e la Regione, di competenza territoriale, come impianto di stoccaggio e trattamento.
Avendo brevettato il metodo e l’apparecchiatura per il recupero di materiali da cartucce contenenti toner, inchiostro e simili, proponendo il Contratto di Manutenzione per la sostituzione di Cartucce Toner, Nastri, InkJet, CER 080318, conseguente Smaltimento D.Lgs. 152/06 ex D.Lgs 22/97 che, con riferimento all’articolo 266, comma 4, consente di assumere la paternità del rifiuto, oggetto del contratto, solleva il cliente che lo sottoscrive da qualsiasi responsabilità amministrativa e o penale assumendosi interamente gli oneri del produttore.
-Avendo progettato, brevettato e realizzato un impianto industriale che trasforma il 100% del rifiuto introdotto in materie prime seconde, attraverso un avanzato processo di lavorazione innovativo e pulito e che a seguito di ciò dispone, azienda unica in Italia, dei requisiti necessari per dare attuazione al Decreto Correttivo del 22 ottobre “Semplificazione degli adempimenti amministrativi di cui all’articolo 195, comma 2, lettera s-bis del Decreto legislativo n. 152/2006, in materia di raccolta e trasporto di specifiche tipologie di rifiuti” che, in deroga alla normativa vigente, consente di dare incarico anche ad un corriere ordinario di ritirare i contenitori dei rifiuti (00box) purché successivamente conferiti presso l’impianto industriale di proprietà per il successivo trattamento, peculiarità quest’ultima, che rende il servizio di micro raccolta veloce, flessibile ed adeguato alle esigenze anche di quei produttori che difficilmente si sarebbero rivolti a servizi ordinari di raccolta rifiuti.

RIFERIMENTI NORMATIVI

I consumabili per la stampa dimessi da attività economiche, esercitata da un’impresa, da un ente o da un libero professionista, giuridicamente si qualificano come “rifiuti speciali” e devono essere avviati al recupero o allo smaltimento ad onere del produttore degli scarti.

Non si tratta quindi di “rifiuti speciali assimilabili agli urbani”, in quanto sono tali, quindi recuperabili o smaltibili in impianti originariamente progettati per i rifiuti urbani, esclusivamente i rifiuti elencati nella delibera del comitato interministeriale sui rifiuti 27 luglio 1984, elencazione che, a seguito dell’abrogazione dell’art. 39 legge n° 146/1994, non comprende più i consumabili per l’informatica.

Questo significa che le cartucce esauste provenienti da un’impresa, un ente o un professionista non possono essere prese in carico dal servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani perché in nessun caso il regolamento comunale può disporre l’assimilazione, ossia la trasformazione da rifiuto speciale in urbano, di ciò che per legge non è assimilabile.

In passato il Comune aveva la possibilità di istituire servizi integrativi di raccolta di rifiuti diversi da quelli urbani e assimilati e perciò nel caso li avesse formalmente istituiti avrebbe potuto ritirare le cartucce esauste a fronte di una specifica convenzione e richiedendo un corrispettivo per il servizio prestato. Dall’entrata in vigore del D.Lgs. 4/2008, che ha modificato la parte IV del Testo Unico Ambientale D.Lgs. 152/2006 questa possibilità non è più contemplata nella legislazione di riferimento.

  • Richiesta Ritiro Toner
  • Download Brochure
  • Perchè scegliere CVA?

    Perchè siamo un'azienda dinamica ed all'avanguardia, che si propone come partner tecnologico dei Clienti fornendo consulenza, supporto, orientamento e formazione. C.V.A. è innovazione, il che significa efficienza ed automazione dei processi, recupero di competitività e razionalizzazione di tempi e costi.